Blockchain e Criptovalute, l’ascesa della tecnologia del futuro

Blockchain e Criptovalute, l’ascesa della tecnologia del futuro” questo il titolo dell’evento organizzato il 25/10 a Mantova dalla start-up Bitviking… Buona la presenza in sala, diversi curiosi, qualche addetto ai lavori e qualche giornalista, a tal proposito domani son curioso di leggere sui giornali ciò che han capito…

Gian Luca Comandini, (Co-Founder di AssoB.it e CEO di Blockchain Core) nel suo intervento ha introdotto l’argomento, forse un po’ banale e inutilmente lungo (almeno per me che sono del settore) ma sicuramente interessante per chi si avvicina a questo settore per la prima volta.

Pietro Ferrazzi (Legal Advisor di Look Lateral) racconta la propria esperienza con un progetto legato all’arte, con sede a Seattle ed una succursale nel mantovano. LookLateral ha presentato la propria ICO ma poi sono spariti lasciando la propria community senza informazione alcuna… SCAM? dopo glielo chiederemo! La risposta è arrivata da sola, il progetto grazie a Dragonchain si è evoluto ed ha trasformato il proprio token in un security token, mettendo sul mercato il 20% della società
A mio avviso, hanno preso le potenzialità dell’arte le hanno associate ad un token, hanno messo sul mercato una parte della società ed hanno presentato il proprio strumento di speculazione… tutto sommato rimane una buona idea.

Nella fase conclusiva le informazioni, sul mining, divulgate da Stefano Borghesan (COO di Bitviking) le ho trovate interessanti ha esposto in modo chiaro e semplice i concetti base, personalmente non trovo eticamente corretto pensare che il miner possa scegliere una moneta piuttosto che un altra solo in base al ROI e non per garantire la crescita di una rete blockchain, la sopravvivenza di un nodo e quindi offrire un servizio pubblico.

L’evento, anche se destinato più a chi non è del settore e/o che si avvicina a questo mondo per la prima, in generale è stato ben strutturato, una forma di divulgazione di questa nuova tecnologia ad una comunità a volte fin troppo chiusa nei confronti dell’innovazione…



Commenta per primo

Rispondi