Riorganizzazione viabilità quartiere Fiumi

Due piccioni con una fava, questa è la politica con la quale il governo cittadino intende amministrare il territorio di San Giorgio; usare risorse pubbliche per avvantaggiare aziende ed enti privati.

Niente di illegale sia chiaro, ma una forzatura c’è, ovvero creare un bisogno inesistente, quello della sicurezza nel quartiere dei Fiumi, così da giustificarne il giroconto economico. Ma se la fava sono i soldi della comunità vediamo chi sono i due piccioni: A.SeP. Srl e Apam S.p.a.

Nella deliberazione del Consiglio dell’Unione n. 8 del 19/04/2017 avente ad oggetto: “Acquisto quota di partecipazione nella società “A.Se.P. Srl” veniva disposto l’acquisto di una quota pari allo 0,0125% del capitale sociale della società; Non stiamo parlando solo di un’opera inutile ma di un progetto che ha visto lo stanziamento di fondi, 100.000€, elargiti all’Asep di Porto Mantovano per i lavori di “installazione” della segnaletica orizzontale e verticale del quartiere.

Attenzione non stiamo mica parlando del rifacimento dei marciapiedi, della sede stradale ove dissestata, oppure di altri strumenti di separazione del traffico (auto e ciclopedonale), qui stiamo parlando solo della colorazione su asfalto della nuova segnaletica. Della serie che se sul camminamento ciclopedonale c’è una famiglia con il passeggino e nel mentre arriva un veicolo il cui conducente si distrae e sbanda non esiste nessun ostacolo fisico “marciapiede o spartitraffico” a protezione dell’incolumità delle persone.

Per quanto riguarda l’Apam, a mio avviso, si tratta solo di un favore, ovvero quello di agevolare il percorso del mezzo urbano evitando punti pericolosi per i mezzi e le persone. Fin qua tutto bene, ma ci sono almeno due osservazioni da fare in merito: la prima è che tutti gli incidenti o situazioni pericolose che si sono venute a creare nel quartiere accadono per via del mancato rispetto del limite di velocità da parte del mezzo pubblico e non degli altri autoveicoli o mezzi e pedoni; la seconda è più una domanda: perché agevolare ancora una volta un’azienda che per servire il nostro comune la cui percorrenza da P.zza Sordello a Via Po è di circa 10′ ma ne impiega quasi 20′ perchè deve fare il giro anche dentro Lunetta?

Questi lavori erano davvero necessari? Oppure sono solo la conseguenza di una qualche promessa, per via della piccola partecipazione che il comune di San Giorgio ha acquisito della stessa così da giustificarne il giroconto?? Forse con quei  100.000€ avremmo potuto pagare lo stipendio ad almeno 2 addetti comunali che, per almeno 2 anni, avrebbero potuto occuparsi della manutenzione ordinaria e del decoro delle strade comunali dei vari quartieri.

Ad ognuno le proprie conclusioni, personalmente in questi giorni ho avuto modo di parlare con diversi abitanti del quartiere interessato e tutti hanno lamentano un certo disagio provocato da questa scelta illogica da parte del comune di modificare la viabilità del quartiere. Una scelta non necessaria in quanto il quartiere non è molto trafficato, dove non esiste nessun rischio concreto per i pedoni o ciclisti se non per colpa dell’autobus che sfreccia come un pazzo.

 

Documenti Allegati:

Commenta per primo