Progetto Sisma Centro Italia

Su idea ed organizzazione dei due Presidenti, Andrea Botti per l’e-Club2050 e Tommaso Tagliente Mantova San Giorgio,  lunedì sera 23 Gennaio ore 20:00 nell’austera sede del Mantova San Giorgio, Cà degli Uberti, “lascito” mantovano dell’omonima famiglia fiorentina, citata nella Divina Commedia di Dante, che ha generato vescovi e podestà in Mantova a cavallo dei secoli 1300 e 1400, si è svolta la conviviale in Interclub dal titolo “Service Terremoto in Centro Italia”.   Relatori d’eccezione il “nostro” Giovanni Votta, nella veste di Presidente della Consulta San Giorgio Solidale e Luigi Marcone Vice Comandante Polizia Locale.

Grazie alla sensibilità  delle 11 associazioni aderenti alla Consulta del Comune di San Giorgio di Mantova, e dei due Club Rotariani che, insieme alla Antonio Costa (libero professionista del settore di installazione e vendita di impianti elettrici che è intervenuta a titolo gratuito), si è cercato di rispondere all’emergenza SISMA 2016. 

Nella particolarità il service ha portato alla realizzazione di un impianto di videosorveglianza presso la nuova scuola nel Comune di Gualdo, un centro minore e per questo nascosto dalla luce del riflettore mediatico di questi mesi, che riscontra la necessità di rendere sicuri anche da un punto di vista di ordine pubblico gli impianti prefabbricati che purtroppo hanno sostituito edifici pubblici e privati in questa circostanza. 

Oltre al service specifico, l’attività dell’Associazione San Giorgio Solidale,  ha permesso di raccogliere ulteriori altri fondi che andranno ancora a beneficio dei Comuni bisognosi di sostegno, che sappiamo essere molti. Dopo la proiezione delle immagini della realizzazione dell’impianto, il Vice Comandante della Polizia di Mantova, ci ha mostrato le immagini dell’intervento in loco, vista la necessità di procedere a pattugliamenti anti sciacallaggio,  sia nello stesso Comune di Gualdo sia di San Ginesio, entrambe in Provincia di Macerata. 

Ci ha colpito, aldilà degli interventi di messa in sicurezza delle case,  come  anche la sola vicinanza fisica sia in grado di portare sollievo e sostegno alla popolazione, con testimonianze vive delle persone che ne hanno beneficiato. Inoltre come il lavoro continuo delle squadre per preparare i tre pasti principali per le popolazioni colpite rappresenta un impegno senza soluzione di continuità dal mattino presto sino a tarda sera, specie in situazioni di viabilità compromessa.

Un’ ulteriore conferma che, anche se piccoli, i gesti di altruismo sono grandi, gesti capaci di cambiare la realtà in positivo: tante gocce formano i mari, tanti piccoli gesti, messi insieme, possono cambiare il mondo;  è nella dimensione internazionale, oltre che locale, che possiamo vedere  come le attività del Rotary, ogni anno, portino sollievo ove c’è bisogno in ogni parte del mondo.

di Pietro Sganzerla

 


Commenta per primo

Rispondi